a f n

ARCHIVIO

 

 
<Lunedì, 18-Dic-2017 2:34 PM
  ARTICOLI dicembre 2017
 
2

BARBER SHOP
PALAZZI

l'articolo
1
 

La tradizione delle barbe dagli anni 20’ ad oggi.
La barba è una tradizione italiana.
La rasatura Old Style nacque negli anni 20’ a Chicago, in America, da barbieri italiani emigrati per soddisfare le esigenze di Alphonse Gabriel, più noto come “Al Capone”, e da allora è stata imitata e copiata in tutto il mondo.
Negli ultimi decenni si è un pò perso questo metodo di rasatura, ma noi vogliamo mantenere le nostre tradizioni italiane!
Per questo abbiamo riscoperto questa antica tradizione e ve la proponiamo in negozio... l’antica rasatura Old Style.
La barba “Americana” viene eseguita con rasoi a serramanico nei seguenti passaggi:
PANNO CALDO
PRE-BARBA
1a INSAPONATURA DELLA BARBA
1a RASATURA
PANNO CALDO
2a INSAPONATURA DELLA BARBA
2a RASATURA CON CONTROPELO
PANNO FREDDO
DOPO BARBA
La barba “Italiana” viene eseguita con rasoi a serramanico nei seguenti passaggi:
PRE-BARBA
INSAPONATURA DELLA BARBA
1a RASATURA
2a INSAPONATURA DELLA BARBA
2a RASATURA CON CONTROPELO
(leggero)
PANNO FREDDO
DOPO BARBA
Il servizio inizia con un panno caldo per rendere la barba più morbida ed aprire i pori della pelle, a seguire si applica un olio caldo che ha la funzione di ristrutturare ed ammorbidire la barba ispida e ribelle. Nel passaggio successivo, si applica di nuovo un panno caldo per poi proseguire con l’applicazione di un olio freddo per mantenere la morbidezza e la lucentezza ottenuta nei precedenti passaggi. Per finire si applica un panno freddo per sigillare tutto il lavoro svolto.
barba a FORBICE
Si esegue la modellatura della barba interamente a pettine e forbice. Come trattamento fi nale si applica la colonia Proraso®.
barba a MACCHINETTA
Si esegue la modellatura della barba interamente con pettine e macchinetta elettrica. Come applicazione fi nale per barbe lunghe, si applica un balsamo ammorbidente, per barbe corte si applica una colonia Proraso®.
PARRUCCHIERE PALAZZI
Via P. Fastiggi, 139 Pesaro



   
torna su...
 

IL GIARDINO DI SANTA MARIAITET BramanteGenga
premiato al Festival GAD Pesaro 2017

cultura
22
 

Per il quarto anno consecutivo al prestigioso concorso del GAD di Pesaro due studentesse dell’ITET BramanteGenga sono state premiate per le migliori recensioni teatrali. L’Associazione organizzatrice Amici della Prosa celebrando i 70 anni di attività ha selezionato spettacoli di altissimo livello che sono frutto di un lavoro che di amatoriale ha solo il nome. Spettacoli che hanno suscitato interesse e partecipazione anche da parte di un pubblico giovane, ed è grazie ad una presenza attenta a tutte le rappresentazioni e a una passione intensa per il teatro che Sofia Galeazzi e Margherita Galeazzi rispettivamente della 4N e 5P Economico hanno ottenuto il consenso della commissione per i loro elaborati con le seguenti motivazioni:
“La costante partecipazione e attenzione agli spettacoli ha permesso alla studentessa di comprendere le difficoltà della vita reale che molte volte viene rivelata soltanto dall’espressività degli interpreti. Spesso solo in questo modo si riescono a scoprire e rivalutare sentimenti personali nei confronti dei nostri famigliari.” recensione per l’opera ‘Credo in un solo dio” autore Stefano Massini, regia Gino Brusco, compagnia teatrale “Cattivi di cuore” (Sofia Galeazzi’).
“Nel commento vengono messi in risalto alcuni aspetti della scenografia che sono determinanti per la comprensione del lavoro, come la finestra simbolo di libertà e le telefonate che denotano l’evoluzione etica del protagonista. Evidente anche l’uso delle maschere con cui Pirandello nasconde i mostri interiori e il rapporto con la verità.” Recensione per l’opera “La Governante” autore Vitaliano Brancati, regia Marcello Andria, Compagnia dell’Eclissi (Margherita Galeazzi).
Le alunne, affiancate dalle insegnanti Germana Rossi e Cinzia Andreucci, hanno vinto due abbonamenti gratuiti per la stagione di prosa 2017/18 e due buoni in totale di Euro 200 che la scuola spenderà nella libreria il Catalogo. Questo riconoscimento dimostra che l’attività didattica dell’ITET BramanteGenga è completa sia dal punto di vista tecnico che umanistico e che la qualità della preparazione letteraria e culturale mette gli alunni in condizione di inserirsi in qualunque ambiente.
Un ringraziamento alle insegnanti, proff.sse Germana Rossi e Cinzia Andreucci per il lavoro svolto.
Un encomio anche dal Dirigente Scolastico Prof.ssa Anna Gennari.
Tempo di ISCRIZIONI
Dove?....al BRAMANTEGENGA!!!
Perché?
Perché è una scuola di grande tradizione e insieme in continua innovazione didattica e tecnologica! La tua scuola, quella più adatta alle tue aspirazioni, ai tuoi desideri, alla tua sensibilità, ai tuoi talenti, alle tue speranze, alle tue concrete aspettative per il futuro !
CORSI
SETTORE ECONOMICO, un istituto che apre al mondo, alla società, all’economia, alle lingue, all’informatica:
• AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING
Due ore di ampliamento di economia aziendale nel biennio
• RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING
Terza lingua straniera dal primo anno
• SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI
Due ore di ampliamento di informatica nel biennio
SETTORE TECNOLOGICO: una professione in costante evoluzione con i tempi, la professione per un futuro tutto da costruire, con attenzione all’ambiente, al territorio e all’innovazione sostenibile:
• COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO con opzione al terzo anno TECNOLOGIA DEL LEGNO NELLE COSTRUZIONI
(il percorso prevede laboratori tecnico-artistici nel biennio e la progettazione tramite BIM (building information modeling) a partire dal terzo anno
INDIRIZZO GEOTECNICO
E non è ancora tutto……
Ami i materiali, i dettagli, le superfici e vorresti vivere in un ambiente che rispecchia il tuo carattere? Ti offriamo la possibilità di realizzare il mondo come l’hai sempre immaginato !
Vieni a scoprire l’ISTITUTO PROFESSIONALE, Produzione industriali e artigianali PER IL MADE IN ITALY, Arredi e Forniture d’Interni CON QUALIFICA al terzo anno di OPERATORE DEL LEGNO!
Vieni a trovarci e avrai l’opportunità di saperne di più. Ti aspettiamo!!!

 
torna su...
 

IL MARE DEL NORD REGALA L’ORO AL SANTA MARTA!

cultura
23
 

Cari lettori,
mi chiamo Giada, frequento il quinto anno all’Istituto S.Marta-G.Branca nella sezione Sala Vendita e vorrei raccontarvi la mia recente avventura in Belgio.   Il 25 settembre ricevo una telefonata inaspettata dal mio professore di sala-bar Steven Del Cipolla. Mi propone di partecipare ad un concorso Europeo promosso dalla AEHT ad Ostenda in Belgio dal 13 al 18 Novembre, con studenti di numerosi Istituti Alberghieri di tutta Europa; voleva premiarmi per il mio impegno a scuola e la mia dedizione allo studio. Ricordo molto bene cosa ho provato in quel momento. Lo stupore e felicità di essere stata scelta si trasformano in un grandissimo sorriso, ma quel sorriso però non è durato a lungo. L’ansia e la paura di non essere all’altezza e di deludere il professore prendono il sopravvento, facendomi dubitare del mio “si”.
La prova del concorso, nella mia sezione, sarebbe consistita nella preparazione di 2 espressi, 2 cappuccini e 2 cocktail analcolici a base di caffè; il tutto con un compagno di squadra che mi sarebbe stato assegnato in loco. Ci penso un paio di giorni ma alla fine accetto e decido di mettermi in gioco dando il massimo di me stessa. Da quel “si” è iniziato un mese e mezzo di full-immersion in inglese, con la professoressa Taglialatela, e in sala con il professor Del Cipolla per prepararmi al meglio. È stato un mese faticoso, difficile, che ha richiesto tanto impegno. Il mese è trascorso velocemente e presto è arrivato il giorno della partenza. È un giorno che non dimenticherò mai perché tutto quello che poteva succedere è successo. Siamo arrivati a Bologna sotto la pioggia che ben presto si è trasformata in neve, facendo ritardare il nostro volo. Inizialmente credevo di non riuscire più a partire ma quando finalmente l’aereo è decollato mi sono tranquillizzata. I giorni successivi, precedenti la gara, sono stati giorni di duro lavoro, studio e pratica insieme alla compagna assegnatami, una studentessa austriaca: Michaela. Passavamo interi pomeriggi in camera a dividerci i compiti, a fare prove su prove per perfezionarci sempre più in vista della gara. Il giovedì, il giorno della gara, era il momento in cui dovevo mettere in pratica tutto quello che sapevo dando il massimo. Finita la gara ho tirato un lungo sospiro di sollievo  e tutta l’ansia che mi aveva accompagnato fino a quel momento svanisce. Potevo finalmente rilassarmi e godermi quelle bellissime amicizie che si erano create con altri ragazzi, colleghi di studio. 
Quando il venerdì sera annunciano i classificati e scopro di essere arrivata prima, di aver vinto una medaglia d’oro, non potevo crederci. Tutto il duro lavoro e l’impegno sono stati ripagati. Il mix di emozioni che ho provato in quel momento è indescrivibile, non ci sono parole adatte ad esprimerlo. Ho reso orgogliosi i miei professori, il Preside, la mia scuola , la mia famiglia , i miei amici e non c’era cosa più bella in quel momento.
È un’esperienza che consiglio di fare perché arricchisce e insegna veramente tanto. Io ne sono uscita vittoriosa e questa vittoria mi ha insegnato una cosa inestimabile: credere di più in me stessa, nelle mie capacità e in ciò che potrò fare in futuro.


   
torna su..

 

le foto pubblicate sono valutate come diritto di cronaca, se i soggetti avessero qualcosa in contrario possono segnalarlo alla redazione, indirizzo e mail mauro.rossi@tin.it che provvedera’ prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate. la riproduzione totale e parziale di testi e foto è vietata .
P.I. 01352580417  
created by digitarte © 2017